L’inchiostro del Vesuvio trionfa a Cattolica

0

Qualche giorno fa, con un comunicato stampa finale, il Mysfest suggellava un’edizione davvero eccezionale del Festival Internazionale del Giallo e del Mistero ma soprattutto del concorso Gran Giallo Città di Cattolica del quale, come ricorderete, quest’anno ero uno dei pregiurati. Insomma, un comunicato finale così “importante” non me lo ricordavo da tempo:

Metropolitana è il racconto vincitore del XLIV Premio Gran Giallo Città di Cattolica, scritto con inchiostro del Vesuvio da Lidia Del Gaudio.

Questa la motivazione della giuria composta da Cristiana Astori, Annamaria Fassio, Franco Forte, Carlo Lucarelli, Marinella Manicardi, Andrea G. Pinketts e Simonetta Salvetti:

“Un manga tragico e vellutato, che snuda i contorni del dolore nei corridoi oscuri della città sommersa, quella che scorre attorno ai binari della metropolitana e delle vite annientate di chi ha smesso di respirare la superficie”

Bravissima Lidia! Naturalmente:

L’elaborato ha superato il vaglio della pregiuria formata da Michele Catozzi, Diego Di Dio, Antonino Fazio, Diego Lama e Ilaria Tuti che ha selezionato la rosa dei finalisti tra i quasi 100 lavori pervenuti al concorso.

Quasi 100 racconti, per l’appunto… 🙂 Ma andiamo con ordine.

La commozione di Annamaria Fassio nel ricordare il compianto Sergio Altieri, insieme a Franco Forte, Andrea G. Pinketts e Joe Denti.

Molte sarebbero le cose da raccontare della splendida serata di venerdì, insieme a tanti amici con i quali rivedersi a Cattolica sta diventando un appuntamento fisso, ma quella che mi ha più colpito è stato il commovente omaggio al grande Sergio “Alan D.” Altieri scomparso improvvisamente pochi giorni prima. Toccanti le parole di Franco Forte, Andrea G. Pinketts, Joe Denti e soprattutto Annamaria Fassio, con le lacrime agli occhi. Non poteva essere altrimenti, perché Sergio, oltre a essere uno dei grandi protagonisti della letteratura di genere dei nostri tempi era anche un grande amico del Mystfest.

Franco Forte e Carlo Lucarelli sui segreti della serialità nei romanzi e nella fiction televisiva.

Sul palco in piazza I Maggio, accanto alle famose fontane di Cattolica e a due passi dal mare, si sono poi susseguiti un gran numero di ospiti, abilmente gestiti dal vulcanico Joe Denti, memoria storica del festival. Carlo Lucarelli, che ha parlato del suo La porta rossa e dei segreti della serialità nei romanzi e nella fiction televisiva, e Franco Forte che ha dialogato con tre scrittori e amici legati al Gran Giallo: Diego di Dio autore di Fore morra, Diego Lama autore di Sceneggiata di morte, Andrea Franco autore de Il peccato e l’inganno. Cristiana Astori e Giancarlo Marzano hanno presentato il loro nuovo fumetto The Professor e l’inimitabile Andrea G. Pinketts ha raccontato della nuova edizione della sua raccolta di racconti Sangue di yogurt. Infine Giuseppe Cozzolino, Fabio Bastinello e Valerio Caprara hanno chiacchierato di cinema, critica e piani sequenza.

Una serata densissima terminata, come di consueto, con una festosa bicchierata nel solito bar poco distante dal palco.

Io Andrea Franco, nella tana di Radio Talpa per una intervista radiofonica in duplex… (Foto Mystfest)

Dimenticavo: io sono arrivato a Cattolica nel pomeriggio e sono stato subito indirizzato verso la sede di Radio Talpa dove pareva si aggirassero famelici un nugolo di autori e amici di scrittura. Era vero. Detto fatto, sono stato arruolato seduta stante per una estemporanea intervista radiofonica insieme ad Andrea Franco. In altre parole, mi sono imbucato. Abbiamo le prove fotografiche…

Il momento clou del festival è stato quello delle premiazioni, il sabato sera, in piazza Mercato dove il circo del Mystfest si è trasferito in blocco per poter poi assistere alla proiezione di Suspiria, il film cult di Dario Argento, in una nuova veste restaurata in 4k in occasione dei 40 anni dall’uscita.

Carlo Lucarelli e il vincitore del Premio Tedeschi 2017 Fabiano Massimi. (Foto Mysfest)

Il primo a essere premiato è stato Fabiano Massimi, simpaticissimo modenese doc autore de Il club Montecristo, vincitore del premio Alberto Tedeschi 2017 e perciò pubblicato nel Giallo Mondadori. Fabiano è stato tra l’altro finalista al Gran Giallo nel 2016, come dire che Cattolica porta bene…

Poi è stata la volta dell’attesissima proclamazione del vincitore del Gran Giallo, preceduta dalla convocazione sul palco di tutti i finalisti presenti. Una sorta di countdown mozzafiato condotto con un pizzico di sadismo da Franco Forte che si è concluso con la lettura delle prime battute di Metropolitana, il racconto di Lidia Del Gaudio. La bravissima Lidia, a sentir recitare le sue stesse parole, ha trattenuto a stento le lacrime. Anche in questo caso abbiamo le prove fotografiche… 🙂

Le bellissime lacrime di gioia di Lidia Del Gaudio. (Foto Mystfest)

Infine la proiezione cinematografica, festeggiata insieme all’interprete originale del film Stefania Casini. Davvero emozionante assistere a Suspiria con la mitica colonna sonora dei Goblin di Claudio Simonetti (gli stessi di Profondo rosso, non so se mi spiego) suonata interamente dal vivo da loro stessi! Sarà forse per il mio anno di nascita, ma i brividi nella schiena non erano di paura.

Foto di gruppo: giuria, pregiuria, organizzatori, finalisti e vincitori, quasi tutti, insomma! (Foto Mystfest)

Insomma, date un’occhiata a questa bella galleria fotografica sul sito del Mystfest! Soprattutto, non perdetevi la performance dal vivo dei Goblin in questo video. Un’atmosfera che non dimenticherò facilmente. A proposito, non vi ho detto che adoro il progressive rock?

Anche la serata del sabato si è conclusa con la tradizionale bicchierata tra amici, a ranghi più ristretti ma con l’immancabile presenza di Pinketts a deliziarci con il suo indomabile eloquio.

Il peggio è arrivato il mattino seguente. Si sa, partire è un po’ morire, ma salutare tanti amici, convenuti per qualche giorno nello stesso luogo a condividere la medesima passione per la scrittura, è stato davvero difficile, e scriverne in fondo è un modo per fissarne i ricordi e voltare pagina.

(Immagine dell’intestazione: Foto Mystfest)